Comunità Papa Giovanni XXIII: Città Sant’Angelo, sabato si inaugura una casa famiglia

Verrà inaugurata sabato 13 maggio, a Città Sant’Angelo (Pe) una casa famiglia dell’associazione Comunità Papa Giovanni XXIII. Sarà una sorta di regalo di compleanno per il figlio di Elisa (nome di fantasia), una giovane che alcuni anni fa, poco più che diciassettenne, venne ospitata da Fabiola Previtali e dal marito Gianni Cantelmi, all’epoca una normale famiglia di Sulmona (Aq). “Con Elisa abbiamo un rapporto molto speciale, per noi è stata proprio una figlia, presa a cuore fin da subito”, spiega Previtali, aggiungendo che “si era presentata da noi come un’adolescente, con un gran bisogno di essere seguita. E con lei ne abbiamo passate di tutti i colori: molte persone ci dissero di mandarla via, quando scoprimmo che era rimasta incinta. Ma alla fine l’amore trionfa”. Elisa aveva deciso di abortire in segreto. Ma gli insegnanti della scuola avevano capito che qualcosa non andava, e l’avevano segnalato ai genitori affidatari. “Stai con noi, ti daremo una mano anche in questo, lascia che nasca”, le aveva promesso Fabiola. Elisa accettò. Dopo la nascita, il bimbo è stato ricoverato un mese in ospedale per una grave infezione, seguita ad un attacco di meningite. “Oggi – rivela Previtali – ci pare impossibile essere qui ad iscriverlo al suo primo giorno di scuola materna, che comincerà a settembre”. Nella struttura messa a disposizione da don Antonio Rapagnetta, sacerdote diocesano, e dalla sorella Paola, la Comunità Papa Giovanni XXIII ha deciso di avviare la sua casa famiglia aperta a tutti. Attualmente sono in 12. All’inaugurazione saranno presenti il vescovo di Pescara-Penne, mons. Tommaso Valentinetti, e il presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII Giovanni Paolo Ramonda.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy