Dopo di noi: vantaggi fiscali e assicurativi della legge 112/2016

(Bologna) “Con la nuova legge si supera il concetto di persona disabile in funzione dell’idea di persona da assistere”. Lo ha detto il consulente di Cattolica Assicurazioni, Matteo Musacchio, parlando dei vantaggi fiscali introdotti dalla legge 112/2016 (“Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare”). Detraibilità dei premi, assenza di tasse di successione, garanzie di crescita del capitale sono i principali: “A partire da questi parametri – ha spiegato intervenendo oggi al seminario di studio sul ‘Dopo di noi’ organizzato a Bologna dall’Ufficio catechistico nazionale della Cei – è oggi possibile rispondere alle esigenze e alle aspettative dei disabili e delle loro famiglie, permettendo di accantonare una somma da destinare alla realizzazione del progetto di vita individuale”. Il miglioramento delle prestazioni mediche, che aumentano l’aspettativa di vita, consentono percorsi a lungo termine per realizzare i quali occorre “risparmiare e proteggersi dal rischio di morte o disabilita grave e, successivamente, scegliere come destinare il capitale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy