Azione cattolica: Enzo Bianchi (monaco), “state sulla soglia della chiesa e andate nelle piazze”

“Oggi le navate delle nostre chiese si stanno svuotando, ma si riempiono l’atrio e la soglia. L’Azione cattolica, come insegna Papa Francesco, deve collocarsi lì. Con una proposta fedele a Cristo”, “una proposta libera, coerente, non totalitaria”, “missionaria”, con “un cristianesimo che è umanesimo”. Padre Enzo Bianchi, fondatore della comunità di Bose, ha partecipato ieri sera a un dialogo con il giornalista Marcello Sorgi (La Stampa), moderato da Rosario Carello (Rai), sul tema “Fare nuove tutte le cose: l’Ac oggi”, nel corso dell’Assemblea nazionale di Ac. Il monaco ha ricostruito le sue tappe formative in Azione cattolica, “dove ci trasmettevano la mistica della testimonianza”. Quindi è passato a una serie di osservazioni sulla Chiesa oggi, sugli insegnamenti di Bergoglio, sulla presenza ecclesiale nella società odierna. La “Chiesa in uscita di Francesco” chiede all’Ac di “andare anche nelle piazze, dove si incontra una umanità che ha bisogno di speranza”. “L’Ac – si è chiesto Bianchi –, in un’epoca carica di paure, sa dare fiducia all’umanità?”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia