Diocesi: Molfetta, celebrazione e concerto per il 24° anniversario del “dies natalis” di don Tonino Bello

Sono due gli appuntamenti in programma a Molfetta per ricordare il 24° anniversario del “dies natalis” di don Tonino Bello, che fu vescovo di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi dal 1982 al 1993. Il 20 aprile, a 24 anni dalla morte di mons. Bello, l’attuale vescovo di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi, monsignor Domenico Cornacchia, presiederà alle 19 nella Cattedrale di Molfetta la celebrazione eucaristica di “di lode e di ringraziamento, di suffragio e di meditazione per sottolineare – si legge in una nota – il dono ricevuto dallo Spirito attraverso il servizio episcopale di don Tonino nella comunità diocesana e nel servizio alla pace reso negli anni di presidenza di Pax Christi”. Venerdì 21 aprile, invece, alle 20 la Cattedrale di Molfetta ospiterà l’oratorio “Svegliare l’aurora”, opera musicale del maestro Silvestro Sabatelli, scritta su testi mariani di don Bello. “L’opera – prosegue la nota – è eseguita dai soprani Antonietta Cozzoli e Vittoria Didonna, dal coro Ensemble Dvorak, dalla Filarmonica Pugliese e dalla fisarmonica solista di Francesco Palazzo”. La serata, ad ingresso è gratuito, sarà trasmessa in diretta live streaming sul sito e sulle pagine social della diocesi. Intanto prosegue l’iter della causa di canonizzazione. Come spiega su “Luce e Vita” il postulatore, mons. Luigi M. de Palma, “la consapevolezza dei propri limiti accompagna quanti sono chiamati ad esprimere un parere in merito alla causa, ed è per questo motivo che si attende da Dio una conferma, cioè un miracolo ottenuto per intercessione del Servo di Dio”. “Perciò la postulazione continua a ricevere le segnalazioni di speciali grazie, di benefici e di presunti miracoli, e a vagliare – conclude – quanto potrebbe valere ai fini della causa di canonizzazione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy