Card. Bassetti: Messa crismale, “soltanto insieme potremo capire come resistono ‘i poveri di Dio’ nelle prove, anche quelle più aspre”

“Soltanto insieme, non da soli, potremo capire come resistono ‘i poveri di Dio’ nelle prove, anche quelle più aspre”. Lo ha affermato oggi pomeriggio l’arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, il cardinale Gualtiero Bassetti, nel corso della Messa Crismale che ha presieduto nella cattedrale di san Lorenzo. Richiamando la richiesta di Gesù al Padre – “Che siano una cosa sola” – Bassetti ha osservato che ciò significa “che siano uomini e donne di comunione. Questa nostra Chiesa ne ha bisogno”. “Siamo stati battezzati per essere popolo di Dio in cammino e costituire secondo la prima lettura del Terzo Isaia, ‘i poveri di Dio'”, ha proseguito il cardinale, rilevando che migliaia di cristiani si sentono tali senza vivere il battesimo: per loro “non c’è nulla da rinnovare, non c’è nulla da rivedere, non c’è nulla da acquisire”, ha ammonito Bassetti, per il quale “occorre un accurato esame di coscienza, per vedere se siamo in verità ‘i poveri di Dio’ che pagano di persona perché la Chiesa si esprima in una continua conversione”. L’arcivescovo ha parlato anche del “contesto del tradimento”, di paura e viltà. “Questi atteggiamenti sono spesso anche fra i cristiani quando per esempio si lascia che un ladro sia ladro, che un uomo di potere sia un uomo di potere e che chi dovrebbe orientare il mondo a Dio pensi ai propri piccoli o grandi interessi”, ha rilevato Bassetti. “Rese, crisi, abbattimenti, scompigli attribuiti spesso a cose secondarie – ha concluso – sono il frutto della mancanza di una fede forte, sono il segno di una fede fragile e di una spiritualità povera che dobbiamo cambiare”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy