Sostentamento clero: mons. Soligo (Icsc), “solo con le armi della legalità e della trasparenza possiamo affrontare le sfide del nostro tempo”

“Solo con le armi della legalità e della trasparenza possiamo affrontare adeguatamente le sfide del nostro tempo”. Ne è convinto monsignor Giovanni Soligo, presidente dell’Istituto Centrale per il Sostentamento del clero, nel suo saluto di apertura del convegno nazionale degli istituti diocesani per il sostentamento del clero, in corso a Roma fino al 15 marzo sul tema “La responsabilità di essere Chiesa: identità e obiettivi degli Idsc”. Di fronte a “notizie confezionate solo per lo scalpore immediato e sottoposte al giudizio sommario dell’opinione pubblica”, bisogna “mostrare trasparenza nelle scelte che riguardano i patrimoni, nella redazione dei bilanci, nell’impiego dei redditi e nelle scelte professionali e dei collaboratori”, ha detto Soligo, secondo il quale “la condivisione, il dialogo continuo e lo scambio tra gli Idsc sono tra i migliori strumenti per far prosperare il sistema del sostentamento del clero”. Gli Idsc devono, inoltre, “distinguersi per il loro agire giusto, etico”: “Nel nostro lavoro quotidiano e nelle scelte di ogni giorno dobbiamo ispirarci ai principi dell’etica cristiana e della giustizia evangelica. Non dobbiamo mai trascurare le esigenze o i limiti inderogabili connessi alla nostra identità di cristiani”. Di qui la necessità e l’urgenza di “individuare e consolidare strumenti, modalità, pratiche amministrative che permettano di uscire da una gestione individualistica e di andare verso una gestione condivisa, razionale dei patrimoni”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy