Fisco: De Palo (Forum Famiglie), “prima la riforma dell’Irpef, poi gli assegni familiari”

Gianluigi De Palo, presidente del Forum delle associazioni familiari

“Dopo i preoccupanti dati demografici pubblicati nei giorni scorsi dall’Istat, si torna a parlare di famiglia, e questo è senz’altro un fattore positivo, così come siamo sempre contenti quando la politica prova a mettere al centro la famiglia e i figli”. È il commento di Gigi De Palo, presidente nazionale del Forum delle associazioni familiari, organismo che porta avanti le istanze di circa 4 milioni di famiglie italiane. Per De Palo, “è un buon segnale anche provare a riordinare il sistema degli assegni familiari soprattutto se, come sembra, ne viene innalzato il finanziamento”. Però, aggiunge, “sul fronte fiscale sono tante le cose da affrontare. Ad esempio: il ddl Lepri in corso di approvazione al Senato costa 23,4 miliardi di euro, cioè quasi il doppio di quanto verrebbe impegnato nell’applicazione del FattoreFamiglia, ma la maggior spesa non risolverebbe l’odiosa discriminazione fiscale che penalizza da oltre 40 anni le famiglie monoreddito e numerose. Così come gli italiani sono in attesa della non più differibile riforma strutturale dell’Irpef che vada a sostituire gli interventi congiunturali sull’Isee”. In sostanza, conclude De Palo, “è bene che si faccia il possibile per dare un segnale chiaro alle famiglie italiane, anche potenziando gli assegni familiari ma l’intervento non può fermarsi lì. Occorre una riforma fiscale seria perché le famiglie non chiedono elemosina, ma giustizia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy