Diocesi: Trento, il 31 marzo incontro con Coser nell’ambito della mostra “Fratelli e sorelle. Racconti dal carcere”

Adottare “lo sguardo cinematografico per superare il giudizio nell’esperienza carceraria”. Di questo parlerà il giovane film-maker trentino Manuel Coser nel corso dell’incontro che si terrà venerdì 31 marzo, a Trento. L’iniziativa sarà ospitata, a partire dalle 17.30, presso la sala arazzi del Museo diocesano tridentino nell’ambito della mostra “Fratelli e sorelle. Racconti dal carcere”. Coser è autore de “L’incorreggibile” con cui recentemente ha vinto il “Premio Solinas – Documentario per il cinema” per il progetto originale (scrittura, trattamento ed intenzione di regia). Il protagonista de ‘L’incorreggibile’ è un uomo, un detenuto comune eppure a suo modo speciale, che dopo 46 lunghissimi anni vissuti in carcere inizia a riassaporare la libertà grazie ad alcuni permessi”, si legge in una nota, nella quale si sottolinea come “il soggetto non è d’invenzione” perché “Coser ha davvero incontrato l’‘incorreggibile’ durante un laboratorio teatrale all’interno di un penitenziario piemontese, circostanza che ha permesso al regista di approfondire la conoscenza dell’uomo e della sua travagliata vicenda”. “Una storia complessa e avvincente che Manuel Coser racconterà in occasione dell’incontro in Museo – conclude la nota – soffermandosi in particolare sulle motivazioni che lo hanno spinto a dedicarsi a questo progetto con uno ‘sguardo cinematografico’ del tutto peculiare, capace di superare il giudizio nell’esperienza carceraria”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy