Avvenire: i temi della prima pagina di domani 8 febbraio. Tratta esseri umani e traffico organi, proteste e scontri a Parigi, situazione politico-economica, Todorov

“Avvenire” apre la sua edizione di mercoledì 8 febbraio con il tema della tratta di esseri umani e del turpe traffico di organi. In occasione della giornata internazionale contro la tratta, si svolge in Vaticano un convegno internazionale che accende i riflettori sul fenomeno. Il richiamo che viene dal simposio è alla trasparenza da parte degli Stati, all’azione decisa da parte dell’Onu e al rifiuto di ogni forma di complicità da parte dei medici, il cui intervento è indispensabile per portare a termine i trapianti.
Nell’articolo di fondo che accompagna il titolo principale, Giuseppe Anzani scrive del commercio di esseri umani: “Singolare e tragica incombenza di lotta che gli abitanti della terra sono forzati a combattere non contro una minaccia esterna, o lo stento, o la cieca tragedia d’una natura matrigna, ma contro se stessi, contro una crudeltà annidata nelle proprie stesse viscere, contro il mistero di un male che non ha più volto umano”. La fotocronaca è dedicata agli avvenimenti di Parigi, con la rivolta delle periferie dopo un episodio di abusi da parte della polizia ai danni di un giovane. A centro pagina, la situazione politico-economica: allarme di Padoan sullo spread e parziale marcia indietro di Angela Merkel sull’Europa a due velocità. Ampio spazio anche al messaggio del Papa per la Quaresima. Tra i “temi” di Avvenire, un’inchiesta sull’impresa ibrida, nuova frontiera dell’economia sociale, all’incrocio tra profit e non profit. Nella finestra di Agorà, la scomparsa dell’intellettuale franco-bulgaro Tzvetan Todorov, acuto testimone dei nostri tempi e spesso ospite sulle colonne di “Avvenire”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy