Diocesi: Modena-Nonantola, “nel rispetto della legalità si restituiscano gli spazi occupati dell’ex Cinema Cavour”

“La diocesi di Modena-Nonantola ha appreso ieri dell’occupazione dell’ex Cinema Cavour da parte del collettivo Guernica. La struttura occupata appartiene al complesso detto del Paradisino, una rettoria il cui legale rappresentante è don Luciano Benassi”. Lo si legge in una nota diffusa oggi dalla stessa diocesi. “L’ex cinema, da tempo non a norma per l’apertura al pubblico, è stato destinato dalla diocesi, grazie al lavoro della fondazione Auxilium, a diventare una seconda sede per la mensa Ghirlandina, un ulteriore spazio a servizio della città e dei poveri – chiarisce la nota -. L’iter per la nuova destinazione è già stato avviato: è stato realizzato uno studio di fattibilità, per l’adeguamento degli spazi alla nuova funzione, ed è perciò stato chiesto all’Ufficio tecnico del Comune l’accesso agli atti riguardanti gli edifici, per completare la progettazione”. Il desiderio, spiega la nota, “era quello, nel rispetto delle norme vigenti, di aprire la nuova mensa a fine 2018: l’esperienza della Ghirlandina di via Leodoino infatti, come dice Lorenzo Selmi, direttore della Fondazione Auxilium, dimostra che Modena ha esigenza urgente di spazi di ristorazione sociale”. La diocesi chiede, pertanto, “nel rispetto della legalità, la restituzione degli spazi occupati”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia