Vita pastorale: card. Bassetti, “il legno delle barche dei profughi è lo stesso della croce di Cristo”

“Tante corse, scadenze e impegni probabilmente svaniranno come neve al sole; la bontà, la tenerezza, la passione di chi sa smorzare i toni non per timore né per calcolo, ma per camminare davvero insieme appartengono a un’agenda che non invecchia”. Lo scrive il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, nella lettera pubblicata da “Vita pastorale” sul numero di gennaio, anticipato oggi al Sir, parlando di cosa resta dell’anno che sta per terminare. Il cardinale racconta un episodio verificatosi a Rimini, durante le commemorazioni di don Oreste Benzi. “Alla fine della celebrazione mi è stato donato un pastorale di legno, realizzato con il legno dei barconi dei migranti. Portava affissa una targhetta che mi ha commosso profondamente: ‘Il legno delle barche dei profughi è lo stesso della croce di Cristo’”. Secondo il presidente della Cei, “questo è il messaggio che il dono del Natale porta al nostro cuore inquieto. Da quella Notte santa non possiamo più sentirci semplicemente soli o abbandonati, perché Lui cammina con noi nei sentieri del tempo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori