Chiesa e internet: Mocellin (Il Regno), “la rete è come l’ambone”. Vescovi e parroci nell’era digitale

“La rete è come l’ambone” scrive Guido Mocellin nell’ultimo numero de Il Regno (22/2017). Un articolo intitolato “Chiesa – Social media: parroci nella Rete. Spunti (anche per vescovi) per un buon uso di tastiera e mouse” che approfondisce un tema di estrema attualità. “La frequentazione del web e segnatamente l’utilizzo dei social network sono diventati un tratto caratterizzante la vita quotidiana e le relazioni umane intrattenute da ciascuno di noi. Se dunque, come è capitato più di una volta nel corso del 2017, un prete diviene improvvisamente protagonista delle cronache, non solo ecclesiali, a motivo di un post pubblicato sul proprio profilo Facebook, è perché i ministri di Dio non fanno eccezione”. Anzi, riflette Mocellin, “a seguito della rivoluzione digitale, è probabile che oggi un verso come il celeberrimo ‘Neanche un prete / per chiacchierar’ cantato da Adriano Celentano in Azzurro non avrebbe troppo senso: in qualunque momento della giornata basterebbe andare on-line per trovare più di un sacerdote con il quale chattare”. Per l’articolo integrale: http://www.ilregno.it/attualita/2017/22/chiesa-social-media-parroci-nella-rete-guido-mocellin

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori