Papa Francesco: alla Curia Romana, rapporto con le Chiese particolari “è di primaria importanza”

“Il rapporto che lega la Curia alle diocesi e alle eparchie è di primaria importanza”. Lo ha ricordato il Papa, spiegando che queste ultime “trovano nella Curia Romana il sostegno e il supporto necessario di cui possono avere bisogno”. “È un rapporto che si basa sulla collaborazione, sulla fiducia e mai sulla superiorità o sull’avversità”, ha detto Francesco nel discorso alla Curia Romana per gli auguri natalizi, precisando che “la fonte di questo rapporto è nel decreto conciliare sul ministero pastorale dei vescovi, dove più ampiamente si spiega che quello della Curia è un lavoro svolto a vantaggio delle Chiese e al servizio dei sacri pastori”. La Curia romana, quindi, “ha come suo punto di riferimento non soltanto il vescovo di Roma, da cui attinge autorità, ma pure le Chiese particolari e i loro pastori nel mondo intero, per il cui bene opera e agisce”. Per spiegare questa caratteristica di “servizio al Papa e ai vescovi, alla Chiesa universale, alle Chiese particolari” e al mondo intero, il Papa ha fatto riferimento al suo primo discorso alla Curia Romana, nel 2013, quando aveva sottolineato che “nella Curia romana si apprende, si respira” in modo speciale “questa duplice dimensione della Chiesa, questa compenetrazione tra l’universale e il particolare”. E aveva aggiunto: “Penso che sia una delle esperienze più belle di chi vive e lavora a Roma”. Le visite “ad limina”, in questa prospettiva, “rappresentano una grande opportunità di incontro, di dialogo e reciproco arricchimento”: “Ecco perché ho preferito, incontrando i vescovi, avere un dialogo di reciproco ascolto, libero, riservato, sincero che va oltre gli schemi protocollari e l’abituale scambio di discorsi e di raccomandazioni”, ha reso noto Francesco. Secondo il Papa, inoltre, “è importante anche il dialogo tra i vescovi e i diversi dicasteri”. “Quest’anno, riprendendo le visite ad limina, i vescovi mi hanno confidato che sono stati ben accolti e ascoltati da tutti i Dicasteri”, la testimonianza del Papa: “Questo mi rallegra tanto, e ringrazio tanto i capi dicastero qui presenti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia