Papa in Bangladesh: incontro con i giovani, “parlate con i vostri genitori e nonni, non passate tutta la giornata al cellulare”

“Parlate con i vostri genitori e nonni; non passate tutta la giornata col cellulare, ignorando il mondo attorno a voi!”. Nella parte finale del discorso rivolto ai giovani del Bangladesh, il Papa ha sottolineato che la loro cultura “insegna a rispettare gli anziani”, che “portano con sé la memoria e la sapienza esperienziale, che ci aiuta ad evitare di ripetere gli errori del passato”. “Gli anziani hanno il carisma di colmare le distanze, in quanto assicurano che i valori più importanti vengano tramandati ai figli e ai nipoti”, ha detto Francesco tornando sul tema della continuità delle generazioni, a lui molto caro: “Attraverso le loro parole, il loro amore, il loro affetto e la loro presenza, comprendiamo che la storia non è iniziata con noi, ma che siamo parte di un antico ‘viaggiare’ e che la realtà è più grande di noi”. “La sapienza di Dio rafforza in noi la speranza e ci aiuta ad affrontare il futuro con coraggio”, ha concluso il Papa: “Noi cristiani troviamo questa speranza nell’incontro personale con Gesù nella preghiera e nei Sacramenti, e nell’incontro concreto con Lui nei poveri, nei malati, nei sofferenti e negli abbandonati”. “Dio benedica il Bangladesh”, il saluto finale ai giovani: “I vostri volti sono pieni di gioia e di speranza: gioia e speranza per voi, per il vostro Paese, per la Chiesa e per le vostre comunità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia