Ius soli: mons. Galantino, “tema trasformato in merce elettorale, c’è paura di parlare di valori”

Il tema dello ius soli e della mobilità umana “è stato trasformato, in maniera indecente, in merce elettorale”. Lo ha detto oggi a Roma monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, a proposito del rischio reale che la legge sulla cittadinanza non venga approvata prima della fine della legislatura. Ne ha fatto cenno durante il suo intervento al convegno sul servizio civile organizzato da Caritas italiana. “C’è gente che non vuole nemmeno provarci solo perché ha paura, ma paura di che? Di perdere quattro voti?”, ha osservato. Mons. Galantino ha criticato “chi dovrebbe guidarci” perché “non sta dando attenzione dovuta ai valori nuovi, forti: non si possono fare certe scelte e andare avanti con l’individualismo sfrenato, i nostri politici hanno paura di parlare di valori”. Ha poi sottolineato l’importanza della “questione educativa, perché si educa anche attraverso certe scelte e leggi, un certo modo di presentarsi”. Anche “di fronte a certe derive del mondo giovanile verso il passato che minacciano di imporsi – ha aggiunto – la questione educativa rimane importante. La Chiesa deve dunque metterci la faccia, offrendo uno spazio educativo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia