Biotestamento: padre Bebber (Aris), “non lasceremo morire nelle nostre strutture. Ci tutela il Concordato”

“L’Aris ha fatto due osservazioni alla legge”. Lo ricorda, in un’intervista ad Avvenire, padre Virginio Bebber, presidente dell’Aris (Associazione religiosa istituti socio-sanitari), in occasione della votazione al Senato del ddl sul cosiddetto biotestamento. La prima osservazione “concerne la preoccupazione che la relazione di cura non venga ridotta a una mera presa d’atto della volontà del paziente, senza che vi sia una effettiva interazione in un contesto comunicativo adeguato alla situazione specifica. È necessario evitare che la responsabilità etica del medico venga schiacciata dalla volontà del paziente”. La seconda “concerne l’obbligo cui sembrerebbero tenute anche le strutture ospedaliere di enti ecclesiastici in ordine alla sospensione – non giustificata da motivi clinici – di prestazioni sanitarie, incompatibile con consolidati princìpi etico-antropologici alla base dell’ identità stessa delle nostre strutture. Quindi in presenza di richiesta di sospensione di idratazione e alimentazione artificiali non giustificata da adeguate motivazioni cliniche e che risulti pertanto in conflitto con i princìpi etici cui gli enti cattolici si ispirano, dovrebbe essere data facoltà di non seguire le disposizioni, eventualmente proponendo il trasferimento a un’altra struttura”. Per padre Bebber come base giuridica per invocare quest’eccezione c’è “il Concordato. L’ articolo 7 comma 3 della legge 20 maggio 1985 che lo regolamenta riprende esattamente e integralmente l’ articolo 7 della revisione concordataria, il cui comma 3 recita: ‘Agli effetti tributari gli enti ecclesiastici aventi fine di religione o di culto, come pure le attività dirette a tali scopi, sono equiparati a quelli aventi fine di beneficenza o di istruzione. Le attività diverse da quelle di religione o di culto, svolte dagli enti ecclesiastici, sono soggette, nel rispetto della struttura e della finalità di tali enti, alle leggi dello Stato concernenti tali attività e al regime tributario previsto per le medesime'”. Secondo il presidente dell’Aris, “il rispetto delle struttura e delle finalità di tali enti rappresenta un rilevante riferimento per quel concorso che le strutture sanitarie di ispirazione religiosa garantiscono all’azione complessiva del nostro sistema sanitario. Su questo abbiamo anche fornito al Senato un parere pro-veritate che fa riferimento alla legge 25 marzo 1985, n. 121 con cui viene recepito nel nostro ordinamento giudiziario l’Accordo tra la Santa Sede e lo Stato italiano, sottoscritto il 18 febbraio 1984”. Quindi, conclude, “obbligare le nostre istituzioni ad andare contro le proprie finalità sarebbe un venir meno a una parte degli accordi concordatari”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy