Vita pastorale: il numero di dicembre dedicato a “Dire Dio oggi in un mondo senza Dio”

È intitolato “Dire Dio oggi in un mondo senza Dio” il numero di dicembre di “Vita pastorale”, in distribuzione nei prossimi giorni. Il Sir, che lo ha avuto in anteprima, ne anticipa i contenuti. La rivista si apre con l’editoriale del direttore, don Antonio Sciortino, dedicato al tema “Ora i cattolici tornino a fare vera politica” dopo la 48ª Settimana sociale di Cagliari. La lettera del presidente della Cei, il cardinale Gualtiero Bassetti, intitolata “L’unica gioia che non finisce mai è l’amore di Dio fatto carne in Gesù” approfondisce le tematiche che caratterizzano il Natale. Poi una nuova rubrica, che ospiterà una serie di interventi a due voci sulle radici conciliari dell’Evangelii gaudium. I primi due sono dei teologi don Dario Vitali e don Roberto Repole. Alla preghiera del Padre Nostro è dedicata la riflessione di don Marco Pozza, cappellano del carcere Due Palazzi di Padova, mentre Gerolamo Fazzini parla della “patrona dei migranti”, madre Francesca Cabrini, proclamata santa nel 1950. Poi spazio all’intervista al vescovo di Padova, mons. Claudio Cipolla. A 25 anni dalla promulgazione del catechismo della Chiesa cattolica, le pagine centrali ospitano il dossier “Dire Dio oggi in un mondo senza Dio” nel quale, tra i diversi, contributi, ci sono anche quelli di Enzo Bianchi, fondatore della Comunità monastica di Bose, incentrato su “Non c’è preghiera senza ascolto”, e di mons. Marcello Semeraro, vescovo di Albano, su “Vivere la fede nelle Chiese locali”. Per la rubrica “Dove va la Chiesa?”, Bianchi firma anche l’articolo “Un’opinione pubblica che sia di comunione”. Nelle pagine finali un approfondimento di don Paolo Gentili, direttore dell’Ufficio nazionale per la pastorale familiare della Cei, su “Come vivere l’Amoris laetitia” e uno di don Armando Matteo su “Se credere non è più di moda verso”, verso il Sinodo dei giovani.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy