#CongressoFidae2017: Kaladich (presidente), “prosegue impegno per riconoscimento piena parità e libertà scelta educativa. Scuola cattolica mantenga qualità alta”

“Nella consapevolezza di quanto sia fondamentale continuare a collaborare affinché le scuole di ogni congregazione si mettano in rete per adempiere all’obiettivo comune – la formazione delle future generazioni -, la Fidae continua ad operare affinché venga riconosciuta a pieno titolo la libertà di scelta educativa, per arrivare ad una scuola aperta e libera a tutti”. Lo dichiara al Sir Virginia Kaladich, presidente della Fidae (Federazione istituti di attività educative), a conclusione del congresso “Quale scuola per il XXI secolo? Educatori e ragazzi del terzo millennio a confronto”, che si è svolto il 23 e 24 novembre a Roma, preceduto mercoledì 22 dall’assemblea nazionale e dall’udienza generale con il Pontefice in piazza San Pietro. “Per arrivare a questo obiettivo – prosegue Kaladich – la Fidae collabora con i principali organi istituzionali affinché possa essere garantita una parità non solo di carattere giuridico, ma anche economico, che tenga in considerazione i lavoratori che prestano servizio all’interno della scuola pubblica paritaria cattolica, affinché vengano riconosciuti anche a questi ultimi eguali diritti in termini economici, senza alcuna penalizzazione”. La presidente lancia quindi “un appello alla scuola, e alla scuola cattolica in particolare”, esortandola “a mantenere alta la propria qualità e a rinnovarsi, cogliendo i cambiamenti culturali e sociali. Solo così potrà essere forte e competitiva sul piano educativo, facendo rete tra gli organi che la costituiscono per diventare davvero libera, creativa, partecipativa e solidale”, conclude richiamando la convention “Esserci per educare… le nuove generazioni” in programma domani a Verona alla presenza del cardinale presidente della Cei Gualtiero Bassetti e della ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa