Dire: i titoli e il tg politico

(DIRE-SIR) – Ecco i titoli e il tg realizzato dall’agenzia Dire. Anche su www.dire.it e www.agensir.it.

Ue. Commissione richiama l’Italia: debito alto

Il persistere dell’elevato livello di debito pubblico è motivo di preoccupazione. In una lettera indirizzata alle autorità italiane, la commissione europea comunica che “intende procedere, nella primavera del 2018, a una nuova valutazione della conformità dell’Italia al parametro per la riduzione del debito”. Nella missiva si riconoscono i passi compiuti dal governo italiano per la crescita e la competitività, ma al contempo si segnala l’esigenza di confermare una manovra finanziaria 2018 “senza annacquare le sue disposizioni principali”.

È rottura, Pd e sinistra divisi alle elezioni

È ufficiale la rottura tra la Sinistra e il Pd. Dopo un incontro di quasi due ore si chiudono le possibilità di un’alleanza tra Mdp, Sinistra italiana e Possibile con i Democratici. “Ci sono divisioni di fondo”, ha sintetizzato Giulio Marcon al termine dell’incontro. La Sinistra annuncia per il 3 dicembre un’assemblea con la partecipazione del presidente del Senato Pietro Grasso. Piero Fassino esprime il rammarico dei Dem: “Noi andiamo avanti con chi ci sta”, aggiunge.

Renzi verso la Leopolda numero 8: “Sfiderò Berlusconi”

“Io al governo ci voglio andare con la mia coalizione, non con Berlusconi, che è il leader dell’opposizione”. Matteo Renzi continua ad attraversare l’Italia in treno con lo sguardo già rivolto alla campagna elettorale che verrà. “Voglio sfidare Berlusconi- dice durante una giornata che lo porta nel basso Lazio e in Campania- e vincere le elezioni, altro che grande coalizione”. Venerdì, intanto, inizia la Leopolda numero otto. “Sarà un appuntamento poco governativo quest’anno- annuncia- con noi ci saranno tanti giovanissimi, ragazzi nati negli anni Novanta”.

Green Economy 2017, quasi 3milioni di lavori verdi

“L’economia verde è una bandiera del made in Italy”, spiega il presidente del consiglio Paolo Gentiloni, alla presentazione di GreenItaly 2017, l’ottavo rapporto di Fondazione Symbola e Unioncamere. “In tanti anni si è pensato che la green economy fosse un fatto elitario e marginale. Stiamo parlando invece di uno dei pilastri della nostra economia”. Ermete Realacci ha ricordato che sono 355mila le aziende dell’industria e dei servizi che dal 2011 hanno investito in tecnologie green. E 2milioni 972mila sono i green job, ossia gli occupati che applicano competenze ambientali.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy