Vescovi inglesi: l’impegno della Chiesa insieme con l'”Evening Standard” contro la piaga del traffico degli esseri umani

Durante la plenaria dei vescovi inglesi, che si terrà dal 13 novembre, sarà ascoltata anche una relazione sulla collaborazione sul tema del traffico degli esseri umani, che è stata avviata tra la Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles e l’”Evening Standard”, il giornale londinese più popolare, con circa 900.000 copie distribuite e 2 milioni di lettori. Si tratta di una piaga che affligge la capitale britannica dove vivono migliaia di lavoratori illegali che i vescovi combattono da anni collaborando con Scotland Yard ed altre autorità internazionali anche grazie al gruppo “Santa Marta”. “Abbiamo trovato un terreno comune tra le preoccupazioni pastorali dei vescovi e gli interessi giornalistici dello “Standard”, che ha pubblicato una serie di articoli su questo argomento, alcuni dedicati a quello che ha fatto la Chiesa”, spiega Alexander des Forges, , portavoce della Conferenza episcopale inglese e gallese. “È stato anche avviato un gruppo di esperti, presieduto dal card. Vincent Nichols, che comprende personalità del mondo degli affari, dei media e rappresentanti della polizia che lancerà un appello per l’azione su questo fronte alla fine della campagna condotta dallo ‘Standard’”, aggiunge.
Sul fronte internazionale la Conferenza episcopale ascolterà la relazione del vescovo William Kenney, che è stato in Sudan, dove la Chiesa inglese lavora da tempo, e quella del vescovo Nicholas Hudson sulla crisi in Catalogna, la situazione dei rifugiati e gli incontri, condotti a livello di conferenze episcopali europee, sull’Europa. Alla conclusione della plenaria è prevista una conferenza stampa a Londra venerdì 17 novembre.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy