Diocesi: Caritas Torino, aperto il centro “Il Balsamo di Filomena” per senza fissa dimora ammalati

Un luogo per l’accoglienza dei senza fissa dimora con problemi di salute. È nato a Torino “Il Balsamo di Filomena”, il nuovo servizio della Caritas diocesana, realizzato in uno spazio del seminario metropolitano con la collaborazione di una serie di associazioni. Lo comunica il settimanale diocesano “La voce e il tempo”. L’attività nasce come risposta a una esplicita richiesta. “Nel tradizionale incontro natalizio dell’arcivescovo con i senza dimora nel 2012 – spiega il direttore della Caritas, Pierluigi Dovis – veniva chiesto uno spazio diurno per alleggerire la permanenza in strada e nel 2013 è nata ‘La Sosta’, in via Giolitti; lo scorso anno invece è stata segnalata la necessità di un qualcosa di simile, ma adatto ad ospitare chi è ammalato”. Il nome “Il Balsamo di Filomena” ricorda Filomena Solimena, per anni presidente dei commercianti di via Paolo Sacchi, a Torino, che intendeva realizzare un progetto in favore delle persone senza fissa dimora ma senza riuscirci a causa della scomparsa prematura. L’accesso al centro, in cui saranno costantemente presenti due volontari, è possibile su invio da parte di enti, servizi sociali e parrocchie o comunità religiose, che lavorano con i più poveri, e sarà possibile in base a una dichiarazione medica. I posti a disposizione sono una quindicina, mentre sono una sessantina i volontari. L’apertura del centro è prevista dalle 8.30 alle 17.30, dal lunedì al venerdì.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy