Notizie Sir del giorno: Settimana sociale, Papa in colloquio con astronauti, “(Re)thinking Europe”, cristiani in fuga da Piana di Ninive

Settimana sociale: Papa Francesco, “non tutti i lavori sono degni”. Card. Bassetti, “serve una politica coraggiosa”

(dall’inviata a Cagliari) – “Non tutti i lavori sono lavori degni”. A lanciare il grido d’allarme è il Papa, nel videomessaggio inviato ai partecipanti alla Settimana sociale, che si è aperta oggi a Cagliari. “Ci sono lavori che umiliano la dignità delle persone, quelli che nutrono le guerre con la costruzione di armi, che svendono il valore del corpo con il traffico della prostituzione e che sfruttano i minori”, ha denunciato. (clicca qui). Nel suo intervento il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, ha evidenziato: “Mai come oggi serve una politica coraggiosa che scelga come norma di indirizzo l’imperativo del bene comune: quell’imperativo che si prende cura della popolazione – a partire dai poveri e dai giovani – in modo autentico con provvedimenti concreti e non solo a parole. Le parole se le porta via il vento, i provvedimenti concreti sono invece un tentativo realistico per il futuro dell’Italia e dell’Europa”. (clicca qui)

Papa Francesco: collegamento con stazione spaziale internazionale, “qual è il vostro pensiero sul posto dell’uomo nell’universo?”

“Buon giorno o buona sera perché quando si è nello spazio non si sa… Penso che lì le giornate scorrano in modo diverso. Ringrazio voi e quanti hanno organizzato questo collegamento che mi da la possibilità di incontrarvi e di rivolgervi alcune domande”. Esordisce così Papa Francesco, questo pomeriggio in collegamento in diretta audio video dall’auletta dell’Aula Paolo VI con l’equipaggio della Missione 53, guidata dal comandante della Nasa Randolph Bresnik (Usa), a bordo della stazione spaziale internazionale in volo a 400 km dalla terra. (clicca qui)

Europa: in Vaticano 350 rappresentanti di Conferenze episcopali, politica e società per dialogare sul futuro dell’Ue

Trecentocinquanta partecipanti dei 28 Paesi dell’Unione europea arriveranno a Roma per animare l’incontro “(Re)thinking Europe” – “(Ri)pensare l’Europa” che si apre domani in Vaticano. Su invito della Commissione degli episcopati della Comunità europea (Comece) e della Santa Sede ogni Stato membro ha composto una delegazione che comprende rappresentati della Chiesa cattolica e del mondo della politica. Sul fronte ecclesiale, accanto ai vescovi membri della Comece figurano esponenti di associazioni, movimenti e istituzioni cattoliche. Numerosi i membri del Parlamento europeo e dei Parlamenti nazionali. (clicca qui)

Iraq: tensioni tra curdi e iracheni nella Piana di Ninive. Padre Kajo (caldeo) a Sir, “cristiani di nuovo in fuga”

“Ci sono stati scontri lo scorso 24 ottobre tra le truppe curde Peshmerga e l’esercito iracheno, nel quale sono comprese anche le ‘Brigate Babilonia’ (milizie di protezione popolare che conta nelle proprie fila anche cristiani, ndr). Durante lo scambio a fuoco alcuni razzi hanno colpito diverse abitazioni e la chiesa. A causa di ciò oltre 850 famiglie hanno lasciato Tellusqof per trovare riparo e rifugio in quelli vicini, come Alqosh e Batnaya. Sono rimasto io con alcuni giovani del villaggio per mantenere la sicurezza ed evitare che le abitazioni dei cristiani vengano prese di nuovo dagli arabi”. Così il sacerdote caldeo, padre Salar Kajo, racconta al Sir le tensioni nella Piana di Ninive rinfocolate dopo l’esito del referendum del 25 settembre scorso sull’indipendenza del Kurdistan da Baghdad. (clicca qui)

Norcia un anno dopo: mons. Boccardo, “l’emergenza ricostruzione potrà dirsi chiusa quando ognuno sarà tornato nella propria casa”

“L’emergenza classica è terminata. Non è finita, invece, l’emergenza della ricostruzione che potrà dirsi chiusa quando ognuno sarà tornato nella propria casa”. È quanto sostiene l’arcivescovo di Spoleto-Norcia, mons. Renato Boccardo, in un’intervista concessa al Sir a un anno dal sisma del 26 e 30 ottobre 2016 che devastarono Norcia e la Valnerina. (clicca qui)

Ue: Agenzia per la cultura, progetto “Memoria europea”. Fondi per iniziative a carattere storico e formativo

(Bruxelles) “Contribuire alla comprensione che i cittadini hanno dell’Ue, la sua storia e la sua diversità” è l’obiettivo di “Memoria europea”, l’iniziativa dell’Eacea, agenzia esecutiva dell’Ue per la cultura, l’educazione, la formazione nel contesto del programma “l’Europa per i cittadini”. L’Ue mette cioè a disposizione fondi per “finanziare progetti per riflettere sulle cause dei regimi totalitari nella storia moderna dell’Europa” e “commemorare le vittime dei loro crimini”, ma anche progetti che “incoraggino la tolleranza, la comprensione reciproca, il dialogo e la riconciliazione interculturale”. (clicca qui)

Conferenza episcopale siciliana: sul sito uno spazio dedicato alla “politica come la vorrebbero i cattolici” in vista delle elezioni del 5 novembre

Il sito della Conferenza episcopale siciliana apre uno spazio dedicato alla “politica siciliana come la vorrebbero i cattolici”. In vista delle elezioni del 5 novembre, con le quali si rinnoverà l’intera Assemblea regionale siciliana e si sceglierà il presidente, è stato creato un luogo in cui raccogliere tutte le istanze che arrivano dagli ambienti cattolici. “Come cristiani non possiamo perdere la speranza: ce lo suggerisce continuamente anche Papa Francesco. Nonostante le tante promesse non mantenute e le speranze disattese dalla politica siciliana in tanti anni di autonomia – spiega al Sir don Giuseppe Rabita, direttore della Segreteria pastorale della Conferenza episcopale siciliana e del suo Ufficio stampa -, i cattolici di Sicilia, spronati dai loro vescovi, raccolgono l’invito ad ‘esserci’ anche nelle ormai prossime elezioni regionali del 5 novembre, confronto molto atteso anche dalla politica nazionale”. (clicca qui)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy