Politica: Puigdemont, Catalogna sovrana e repubblicana. Non proclama l’indipendenza, critica il Re, apre a negoziati con Madrid

Un discorso dai forti accenti indipendentisti, senza di fatto proclamare – per ora – l’indipendenza. Carles Puigdemont, presidente della Catalogna, ha tenuto a Barcellona, nella sede dell’assemblea regionale, un discorso di quasi un’ora, nel quale ha ripercorso le tappe che hanno portato al referendum del 1° ottobre. Puigdemont davanti alle Generalitat si è assunto il mandato del popolo catalano, per giungere, tramite negoziati con Madrid, alla proclamazione di una Catalogna indipendente e repubblicana. “Non siamo pazzi né golpisti”, ha detto il politico catalano, ma “interpretiamo il mandato del nostro popolo”. Dure le parole verso la “repressione” e le “violenze” del governo di Madrid e forti critiche verso il Re. Il discorso ha di fatto sospeso la dichiarazione di indipendenza, per rinviare a prossime trattative politiche con il governo centrale.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa

Informativa sulla Privacy