Papa Francesco: a marcia Usa, “inalienabile il diritto alla vita del bambino innocente che cresce nel seno di sua madre”

Papa Francesco ha dato il suo “caloroso” sostegno alla Marcia per la vita svoltasi ieri a Washington e alla quale hanno partecipato migliaia di persone. L’appuntamento è organizzato nell’anniversario della sentenza della Corte Suprema che nel 1973 ha legalizzato l’aborto. In un messaggio, a firma del cardinale segretario di Stato Pietro Parolin e inviato al nunzio negli Stati Uniti, mons. Christoph Pierre, il Papa afferma: “È così grande il valore di una vita umana ed è così inalienabile il diritto alla vita del bambino innocente che cresce nel seno di sua madre, che in nessun modo è possibile presentare come un diritto sul proprio corpo la possibilità di prendere decisioni nei confronti di tale vita, che è un fine in sé stessa e che non può mai essere oggetto di dominio da parte di un altro essere umano”. Il Pontefice si dice “fiducioso che questo evento, in cui molti cittadini americani manifestano a favore dei più indifesi dei nostri fratelli e sorelle, possa contribuire a una mobilitazione delle coscienze in difesa del diritto alla vita e a misure efficaci per garantire la sua adeguata protezione giuridica”.

Ha partecipato alla marcia anche il vicepresidente americano Mike Pence che ha detto: “La vita vince di nuovo in America”. Il presidente Trump – che appena insediatosi ha bloccato i fondi federali alle Ong internazionali che promuovono l’aborto – in un tweet ha dato il suo pieno appoggio ai manifestanti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy