Maltempo in Sicilia: don Mattaliano (Caritas Palermo), “è cresciuto il numero di chi richiede il nostro aiuto”

“Non siamo abituati a situazioni come queste e siamo inevitabilmente colti alla sprovvista: non siamo in grado di difenderci. Ma la grande generosità del popolo siciliano e una rete di aiuti che diventa sempre più capace di individuare le difficoltà, sono senz’altro di aiuto. Le Caritas e le associazioni stanno intervenendo insieme con le istituzioni locali”. Lo dice don Sergio Mattaliano, direttore della Caritas di Palermo, a proposito del  maltempo che si è abbattuto sulla Sicilia con piogge torrenziali e forte vento ha fatto una vittima: ieri sera un uomo è morto annegato dopo essere stato travolto da un torrente esondato a Castronovo di Sicilia, nel Palermitano. L’uomo era in auto insieme con altre tre persone che sono riuscite a mettersi in salvo. Nella zona stanno lavorando i vigili del fuoco, le forze dell’ordine, il 118: l’abbondante pioggia caduta ha provocato l’esondazione di alcuni torrenti e la chiusura della statale Palermo-Agrigento nella zona di Lercara Friddi. Le operazioni di soccorso sono complicate.
A Palermo, dove i temporali sono iniziati ieri pomeriggio, i pompieri sono dovuti intervenire per liberare automobilisti rimasti intrappolati nelle auto bloccate dall’acqua in diverse zone della città. A Balestrate, un comune del palermitano, è crollato il belvedere e i massi sono finiti sulla ferrovia. Il traffico ferroviario è stato interrotto. In molte città i sindaci hanno disposto, per oggi, la chiusura delle scuole. “I centri di accoglienza palermitani di San Carlo e di Santa Rosalia hanno lavorato in regime di emergenza e, tra le nevicate e le gelate degli scorsi giorni e quest’ultima ondata di maltempo, è cresciuto il numero di chi ha richiesto il nostro aiuto. Il tavolo di coordinamento col Comune – continua don Mattaliano – registra la richiesta per un crescente bisogno abitativo: non solo persone senza casa, senza un tetto, ma anche uomini e famiglie che non riescono a pagare l’affitto o a trovare i soldi necessari a pagare luce e gas e a scaldare a sufficienza la propria casa”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy