Terremoto: Juncker e Tajani (Ue), solidarietà alle popolazioni colpite. Subito gli aiuti

(Strasburgo) “È con grande tristezza che ho appreso stamane che molte persone hanno perso la vita in seguito alle ultime scosse di terremoto in Italia e che la situazione è resa ancor più difficile da condizioni meteo avverse nelle aree colpite”. Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione Ue, interviene sul sisma del Centro Italia. “Desidero esprimere le mie più sentite condoglianze alle famiglie e agli amici di chi ha perduto persone care. Voglio inoltre lodare i primi soccorritori che stanno lavorando senza sosta sul luogo della tragedia”. A nome di tutta la Commissione europea “ribadisco la nostra solidarietà al popolo italiano e alle autorità del Paese. Faremo tutto il possibile per offrire il nostro aiuto in questo momento difficile. L’Ue non lascerà sola l’Italia a fronteggiare questa tragedia ed è pronta a mobilitare tutti gli strumenti a sua disposizione”. Espressioni di solidarietà giungono anche dal Parlamento europeo. Il presidente Antonio Tajani è intervenuto in aula per un ragguaglio sulla situazione, spiegando in particolare quanto accaduto all’hotel di Farindola. “Ci sono trenta dispersi, anche bambini, in una situazione meteo bruttissima”. Tajani ha raccontato il difficile intervento dei soccorritori. “Da ieri ci sono state 80 scosse di terremoto nel Centro Italia. Vogliamo inviare un messaggio di solidarietà” alle popolazioni colpite, ai soccorritori e alle autorità italiane. “Chiediamo alla Commissione di smobilitare subito il Fondo europeo di solidarietà”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy