Servizio civile: in corso l’Assemblea nazionale Asc

È in corso l’Assemblea nazionale di Asc-ArciServizioCivile, occasione per festeggiarne i 30 anni. Tappe e date significative sono state ricordate dal direttore, Piera Frittelli. Il 10 settembre del 1981 la stipula della prima convenzione con il Ministero della Difesa per il distacco di 400 obiettori; il 6 maggio 1985 la Corte Costituzionale con la sentenza 164 sancisce la pluralità di modi di difendere la patria; nel 1986 il Ministro della Difesa Spadolini, accogliendo suggerimenti della Cnesc e di Asc, emana una circolare che permette agli obiettori di indicare area vocazionale di impiego, ente e sede di servizio; nel 1996 si costituisce formalmente Asc; nel 1998 si attiva un programma di scambi con la Corporation for National Service cui – per volontà del Ministro Andreatta – partecipa anche il Ministero della Difesa; nel 2001 con il rinnovo della convenzione per l’impiego degli obiettori e con la stipula della convenzione per l’impiego dei volontari, Asc è il primo ente attivo in entrambe le leggi; a dicembre 2001 partono i primi progetti in ambito della legge 64 con 99 volontarie e 1 volontario (riformato); nel 2005 viene pubblicato il primo rapporto di Asc sul Scn dove per la prima volta si indica l’impatto economico del Scn sulla comunità; nel 2006 si sperimenta la triennalità progettuale, anticipando una delle novità della nuova legge; nel 2013 entra in servizio una cittadina straniera. È stato chiuso un cerchio: da un obbligo, per gli uomini, solo con le armi, siamo giunti ad una scelta volontaria, nonviolenta e per tutti, donne, uomini, italiani, stranieri residenti. Ma Asc non ha certo chiuso il proprio percorso.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy