Filiera agroalimentare: Greenaccord, giornata di studio su “Il cibo prodotto, apprezzato, consumato, condiviso e che si butta via”

L’Associazione culturale Greenaccord, in collaborazione con l’Agenzia Arsial della Regione Lazio, realizzerà a Roma il 28 settembre una giornata di studio sul tema “Il cibo prodotto, apprezzato, consumato, condiviso e che si butta via”, con la finalità di riunire rappresentanti di tutta la filiera agroalimentare per riflettere sul valore del cibo e sul suo spreco. Nella sessione mattutina la prolusione sarà affidata ad Alfonso Cauteruccio, presidente Greenaccord. Antonio Rosati, amministratore unico di Arsial, parlerà di “Cibo e riduzione dello spreco alimentare nei progetti Arsial”; Roberto Moncalvo, presidente Coldiretti, affronterà il tema “Il mercato alimentare italiano e del Lazio”, Andrea Sonnino, dell’Enea, Dipartimento sostenibilità dei sistemi produttivi e territoriali, spiegherà su come “Produrre cibo di qualità in modo sostenibile”. Nella sessione pomeridiana interverranno Matteo Guidi, direttore operativo di Last Minute Market, su “Spreco di cibo: dalla percezione alla realtà”, e Irma D’Aria, giornalista e divulgatrice, su “La buona tavola e i disturbi alimentari”. Seguirà una tavola rotonda su “Spreco del cibo e filiere virtuose”, presieduta da Carlo Hausmann, assessore all’Agricoltura della Regione Lazio, alla quale partecipano: Claudio Vincelli, comandante dei Carabinieri per la tutela della salute, Fabio Massimo Pallottini, direttore generale Car, Marco Lucchini, direttore generale Fondazione Banco Alimentare, Gianni La Bella della Comunità di S. Egidio.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy