Cinquestelle a Roma: Avvenire, “troppo poco” tempo per “buttare dalla rupe Tarpea”

Ottanta giorni sono pochi per “buttare dalla rupe Tarpea” Virginia Raggi, e con lei l’esperienza politica innovativa del Movimento Cinque Stelle. È quanto si legge nell’editoriale di Avvenire, dal titolo “Questione di democrazia”, dedicato a “Roma, i Cinquestelle e molto di più”. “Virginia Raggi – scrivono Arturo Celletti ed Eugenio Fatigante a proposito della questione romana – siede in Campidoglio da nemmeno 80 giorni, forte di un consenso superiore al 67% dei voti. E ai cittadini è stato sinora offerto finora uno spettacolo non certo edificante, soprattutto se si pensa che la sindaca e i suoi hanno avuto dodici mesi per prepararsi (la vittoria elettorale di M5S era scontata)”. “Ma è anche vero, dopo anni e anni di ‘mala gestio’ della ‘vecchia politica’, quella più tradizionale – prosegue l’editoriale – che il tempo passato è troppo poco per pretendere già di buttare dalla rupe Tarpea un’esperienza, quella del Movimento ispirato da Beppe Grillo, che resta innovativa soprattutto per la scelta strutturale di impegnare ‘cittadini’ che – coi loro limiti e le loro virtù, senza aver mai avuto prima esperienze di governo – si attivano ‘dal basso’ nell’amministrazione della cosa pubblica”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy