Spagna: Calamai (Iai), “seconda bocciatura per Rajoy, terza elezione in vista”. Nessun accordo per il governo a Madrid

“Mariano Rajoy bocciato per la seconda volta. Il Parlamento gli nega la fiducia, riaprendo la strada per le urne. Dal dicembre 2015 sarebbe la terza volta, a conferma che la crisi politica spagnola non accenna a spegnersi. Con l’ultima bocciatura parlamentare (170 si, 180 no) dell’attuale premier del Partito popolare, Madrid entra in una nuova fase densa di incognite”. Lo scrive Marco Calamai, giornalista e scrittore, su “Affari Internazionali”, rivista on line dell’Istituto affari internazionali (Iai). “Ciudadanos, il nuovo partito della destra liberale, ha comunicato, in piena discussione parlamentare e pur votando a favore di Rajoy, la decisione di sospendere il suo appoggio al primo ministro uscente”. I contenuti dell’intesa programmatica tra Pp e Ciudadanos “restano validi – ha spiegato ancora Rivera – ma Rajoy non è la figura che può favorire un accordo con i socialisti e quindi sbloccare la situazione”. Una svolta inattesa, che potrebbe portare alle urne entro l’anno. “La richiesta di un nuovo candidato popolare viene ormai da più versanti”, afferma il giornalista. “L’ha espressa chiaramente Felipe Gonzalez, il socialista più illustre della transizione democratica”. Il quotidiano El Pais, “che da mesi sostiene l’esigenza di una collaborazione Popolari-Socialisti, ha subito colto la palla al volo”. “Né Rajoy né Sanchez” (leader Psoe) è il titolo dell’editoriale di domenica 4 settembre.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori