Comitato Media e Minori: dopo tre anni di attività conclude il suo mandato

Dopo tre anni di attività (2013-2016) il Comitato Media e Minori, presieduto da Maurizio Mensi, conclude il suo mandato e fa il bilancio dell’attività svolta. “40 riunioni plenarie, 401 casi esaminati, 51 raccomandazioni e 25 risoluzioni – sottolinea una nota divulgata oggi dal Comitato – sono il bilancio di un’attività che si è svolta regolarmente, nonostante le difficoltà derivanti dal dover applicare un Codice di autoregolamentazione ormai inadeguato in quanto risalente al 2002, il venir meno del sostegno finanziario derivante dai contributi delle Emittenti sottoscrittrici e la mancata sostituzione in corso d’opera di alcuni membri designati, decaduti d’ufficio per non essersi mai presentati alle sedute”. Fin dal suo insediamento, prosegue la nota, “il Comitato aveva rilevato l’urgenza di procedere alla revisione del Codice e a tal fine è stato promosso l’insediamento di un gruppo di lavoro composto dalle Emittenti – secondo quanto previsto dal Testo Unico, il d.lgs. n. 177/2005 – per elaborare un nuovo testo, che aggiornasse le norme adeguandole ai profondi mutamenti normativi e tecnologici intervenuti negli ultimi tempi, in un contesto multimediale sempre più dominato da Internet”. In seguito “a un lavoro durato oltre un anno – ricorda il Comitato – è stato predisposto uno schema – sul quale sono state raccolte anche le osservazioni dei rappresentanti degli utenti, del ministero dello Sviluppo economico e di Agcom – che risulta aver anticipato, nei suoi contenuti, le indicazioni di cui alla proposta di revisione della Direttiva europea sui ‘Servizi media audiovisivi’ presentata il 25 maggio 2016”. Il testo ora dovrà essere sottoposto alle valutazioni della competente Commissione parlamentare, per il successivo recepimento con decreto del ministro. L’auspicio, conclude la nota, è che “il Comitato possa essere rapidamente rinnovato, così da riprendere e portare a compimento il lavoro svolto sul nuovo Codice e proseguire così con rinnovato slancio nell’attività di tutela dei minori”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori