Terremoto: Albano (garante infanzia), “serve aiuto continuo di esperti”

(DIRE-SIR) – “C’è tanto da fare, soprattutto ora che i riflettori si stanno spegnendo ed è trascorso più di un mese dal terremoto. Adesso c’è da operare un collegamento tra il passato, il presente e il futuro e lo si può fare con l’aiuto di persone qualificate che consentano, con continuità e dedizione, ai ragazzi, ai bambini e alle famiglie, che devono poter elaborare un lutto, di continuare a guardare avanti”. Lo dice Filomena Albano, la garante nazionale per l’infanzia e l’adolescenza, in una videointervista dell’agenzia Dire. “Ieri siamo stati alla scuola di Amatrice – prosegue – ed è stata una cerimonia commossa e partecipe. C’erano ragazzi e bambini, la preside e le insegnanti, e c’erano le famiglie dei bambini e dei ragazzi deceduti. Abbiamo piantato otto alberi di melo per ogni bambino deceduto. Gli alberi sono sia il simbolo della vita che va avanti che della memoria di chi non c’è più – conclude Albano -, ecco perché lo abbiamo chiamato il bosco della memoria e della vita”. (www.dire.it)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy