Gesuiti: p. Lombardi, “dopo la riforma Radio Vaticana come tale scompare”

“Radio Vaticana è stata affidata 85 anni fa dal Papa alla Compagnia di Gesù per la sua conduzione. In questo processo di riforma in corso, la stessa Radio Vaticana come tale scompare, non esiste più, con la sua individuale e precisa identità istituzionale”. Lo ha detto padre Federico Lombardi, già direttore dell’emittente della Santa Sede, durante la conferenza stampa di presentazione della 36ma Congregazione generale che eleggerà il nuovo Superiore dei Gesuiti. Rispondendo alle domande dei giornalisti, Lombardi ha fatto riferimento alla riforma che ha condotto alla costituzione della Segreteria per la Comunicazione, di cui nei giorni scorsi è stato diffuso lo statuto, e ha commentato: “Cambia la situazione, e molto profondamente”. “Penso che il nuovo Generale – ha ipotizzato – parlerà con il Papa e sentirà se il Papa vuole dire qualcosa di più specifico o se la missione è terminata col cambio di questa situazione”. Radio Vaticana, quindi, per Lombardi “è un argomento di cui il nuovo Generale si occuperà, in dialogo con il Papa, per capire quali sono i suoi desideri in questa situazione”. “Non c’è da prendere decisioni da parte della Congregazione”, ha precisato, “dipende dal nuovo governo trattare con la Santa Sede sui compiti che la Santa Sede richiede”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy