Diocesi: mons. Parisi (direttore artistico Notti Sacre), “la rassegna è una scoperta di Bari vecchia”

“Fin dal primo momento abbiamo dato spazio alle realtà culturali del territorio innestandole nel contesto artistico nazionale e internazionale e continueremo lungo questo percorso”. Così ha spiegato oggi a Bari monsignor Antonio Parisi, direttore artistico della rassegna “Notti Sacre” che quest’anno, nella sua settima edizione, ha per titolo il titolo di “Ho sete di silenzio”, frase presa dagli scritti della beata barese Suor Elia di San Clemente. “La musica resta la sessione più corposa della rassegna – ha dichiarato monsignor Parisi – ma sono tante le novità di questa edizione. Abbiamo dato ampio spazio ad alcune iniziative didattiche presenti sul nostro territorio: l’associazione Nova Artistudium, ad esempio, ci farà conoscere il lavoro silenzioso, ma serio, della loro attività educativa, e l’istituto comprensivo ‘Manzoni Lucarelli’ di Ceglie del Campo metterà in scena, con i suoi alunni, la Divina Commedia di Dante”. Quest’anno monsignor Parisi ha voluto dare spazio a novità e tradizione con un ampio spazio ai talenti dei tanti giovani artisti: “Notti Sacre è una scoperta di Bari vecchia e delle chiese presenti – ha concluso monsignor Parisi -, la riscoperta della tradizione della musica sacra e la scoperta delle nuove produzioni. Ma anche l’accoglienza di musicisti di altre realtà e la presenza di Notti Sacre in altri luoghi della Puglia. Ed è la valorizzazione al massimo di quei giovani che hanno sempre bisogno delle possibilità di esprimere la propria arte e di portarla in scena”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy