Congresso eucaristico: Tosello (“Nuova Scintilla”), “l’Eucaristia diventi incontro che produca frutti concreti di carità e giustizia”

“L’Eucaristia, cuore dell’esperienza ecclesiale, è sinonimo di carità nella sua forma più alta. Cioè nell’incontro che si realizza tra Dio e l’uomo e nell’incontro visibile tra tutti i fratelli”. Lo scrive Vincenzo Tosello, direttore di “Nuova Scintilla”, nell’editoriale pubblicato sull’ultimo numero del settimanale diocesano di Chioggia. Tosello ricorda che “la colletta per i terremotati dell’Italia centrale è stata svolta nella nostra diocesi con tempestività già nella prima domenica del mese” e “le offerte raccolte convergeranno con quelle della colletta che si tiene ufficialmente in Italia in questa domenica 18 settembre, scelta simbolicamente in relazione al Congresso eucaristico nazionale che si conclude a Genova” proprio “a significare che la carità per il cristiano sgorga direttamente dall’Eucaristia e ha in essa il suo culmine”. Richiamando “la ‘cultura dell’incontro’ in ogni ambito di vita, in famiglia e nella società”, a cui Papa Francesco costantemente invita, il direttore afferma che “per il cristiano proprio l’Eucaristia è sorgente viva di questa ‘missione’”. E coloro che saranno “a Genova per questa grande festa dell’Eucaristia sono un segno per tutti dell’incontro che si realizza in modo speciale nel ‘sacramento’ culmine della vita cristiana”. “A portare a spalle l’urna processionale con il Santissimo saranno varie categorie di lavoratori: anche questa – osserva Tosello – una scelta simbolica in tempi in cui il lavoro è tra le prime urgenze a cui rispondere”. Per il direttore, “il lavoro si presenta come un appello sociale imprescindibile per realizzare la giustizia oltre che la carità, anche a livello intergenerazionale”. “Quale risposta può dare la comunità ecclesiale, ad esempio, all’urgente problema della disoccupazione giovanile?”, domanda Tosello, secondo cui “forse le nostre assemblee rispecchiano una lontananza tra generazioni che faticano a incontrarsi”. Per questo, “l’Eucaristia celebrata – conclude – potrebbe diventare stimolo per un incontro che produca frutti concreti di carità e di giustizia in collette, ma anche in qualcosa di più”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy