Cardinale Bagnasco: quando si incontra Gesù “il cielo è diverso, la vita prende spessore”

Congresso eucaristico nazionale (Genova, 15 settembre 2016)

“Annunciare il Vangelo è vivere Cristo, e partecipare alla missione è vivere la Chiesa”. A ricordarlo è stato il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Cei, nell’omelia della Messa di apertura del Congresso eucaristico nazionale, facendo notare che “quando si vive l’incontro con Gesù – così come si vive un rapporto d’amore – l’orizzonte cambia, il cielo è diverso, la vita prende spessore. In Lui tutto è diventato luce, anche le croci. E se la missione è attrazione, ogni cristiano dovrebbe vivere in modo tale da fare invidia – santa invidia! – ad altri che, sorpresi, si chiederanno il segreto di questo singolare modo di stare nel mondo, di vivere le cose di tutti, gioie e affanni”. “Il nostro segreto non è nostro, ma di tutti, poiché Dio abita là dove lo si fa entrare”, ha spiegato il presidente della Cei evocando la “Chiesa in uscita” di Papa Francesco: “Come Gesù ad Emmaus, che sembra precipitarsi nella locanda con i due discepoli che l’hanno invitato a fermarsi!”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy