Cardinale Bagnasco: “benvenuti a Genova per partecipare al Congresso eucaristico della Chiesa italiana”

“Benvenuti, cari amici delle delegazioni diocesane, e un fraterno abbraccio ai vescovi e ai sacerdoti! Benvenuti a Genova per partecipare al Congresso eucaristico della Chiesa Italiana. La comunità genovese vi saluta con gioia e vi accoglie con entusiasmo, sperando che ognuno si senta un po’ a casa”. Inizia con queste parole il saluto del cardinale Angelo Bagnasco indirizzato a quanti parteciperanno ai lavori che si apriranno domani e pubblicato sul sito della diocesi. “Ci auguriamo – scrive il porporato – che possiate scoprire Genova nella sua storia che nasce dal porto, da una antica e forte industria. Ma anche scoprire la Genova della fede, la città di Maria, proclamata dalla Repubblica come sua Regina nel 1637. Il centro storico – il più grande d’Europa – è un intreccio di bellezza fatta di alti palazzi, solenni o umili, di scorci incantevoli, di chiese splendide, di “piazze” che, rispetto ad altre città, sono solo dei piccoli slarghi”. “Genova è così – scrive ancora il porporato che nei vicoli di Genova è nato e cresciuto – è una striscia di terra stretta fra mare, monti e cielo. Una terra costretta a guardare verso l’orizzonte sconfinato del suo mare, e verso l’alto del suo cielo ventoso. Dove le sue case, che formano i famosi vicoli, sono addossate l’una all’altra non solo per ragioni di spazio e di antica sicurezza, ma sembrano esprimere anche una visione dell’esistenza, dello stare stretti, uniti gli uni agli altri per aiutarsi a vivere”. “Cari Amici – continua il testo – vorremmo con voi anche riscoprire noi stessi, la bellezza delle nostre origini cristiane” consapevoli “che la questione più grave oggi è il calo della fede: è quindi necessario il risveglio interiore, il cuore ardente”. Per questo, diventa “decisivo portare gli uomini del nostro tempo a riconoscere il Signore Gesù, e così tornare a riconoscere il volto dell’uomo. Se Dio sparisce dall’orizzonte, l’umanità viene colta da un disorientamento i cui effetti disumani sono sotto gli occhi”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy