Colombia: in corso la “Settimana del migrante”. Mons. Vacca Ramirez (Cec), “unica risposta valida nel Vangelo della misericordia”

E’ in corso di svolgimento in Colombia la “Settimana del migrante” promossa dalla Conferenza episcopale colombiana (Cec). Iniziata domenica 11 settembre, con una celebrazione nella cattedrale di Bogotá, proseguirà fino a domenica 18 settembre. In occasione della “Semana del migrante” monsignor Ismael Vacca Ramírez, vescovo di Duitama-Sogamoso e delegato per le migrazioni della Cec, ha rivolto un appello per vivere il comandamento dell’amore verso il prossimo e contro l’indifferenza “verso i fratelli migranti”. La Colombia, al di là delle drammatiche migrazioni forzate interne causate dal conflitto pluridecennale (si tratta del cosiddetto fenomeno dei “desplazados”) è entrata a far parte di recente delle rotte internazionali di migranti (soprattutto cubani e haitiani) che, giunti in qualche modo in Sudamerica, attraversano il Paese con l’obiettivo di oltrepassare la frontiera panamense per continuare poi il lungo viaggio verso gli Stati Uniti. Mons. Vacca Ramírez invita “a celebrare questa settimana da una prospettiva di fede, riconoscendo nell’altro, soprattutto in chi soffre e in chi si è trovato nella situazione di lasciare la propria terra d’origine” il fratello “che ha bisogno del nostro reale ed effettivo aiuto”. In particolare, la situazione dei migranti che si trovano in Colombia “pongono in noi seri interrogativi e grandi sfide di carattere politico, economico, culturale, etico e giuridico, rispetto alle quali troviamo l’unica risposta valida nel Vangelo della misericordia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy