Dialogo: Umofc, a Bari incontro mondiale su “Donne operatrici di pace per una cultura dell’incontro e del dialogo”

Un'immagine dell'assemblea Umofc del 2014. Al tavolo della presidenza Maria Giovanna Ruggeri

“Donne operatrici di pace per una cultura dell’incontro e del dialogo”: è il tema del secondo incontro “Donne Medio Oriente e Mediterraneo” che si terrà a Bari dal 19 al 23 ottobre, promosso da Wucwo/Umofc (Unione mondiale organizzazioni femminili cattoliche), assieme a Fiac (Forum internazionale Azione cattolica) e Ac italiana. “Il progetto è frutto di scelte fatte insieme da donne di diverse organizzazioni a livello nazionale e mondiale che hanno voluto rispondere alla richiesta di vicinanza, ascolto, dialogo e comprensione delle donne dell’area mediorientale dove la loro presenza è un segno di forte impegno per la riconciliazione e la convivenza”. “Allo stesso tempo – spiega una nota Umofc, presieduta a livello mondiale dall’italiana Maria Giovanna Ruggeri – oggi si è particolarmente interpellati dalle sfide delle migrazioni e delle emergenze più urgenti che si vivono intorno al Mediterraneo sul quale si affacciano e si incontrano tre continenti. Con queste donne ci si vuole confrontare per contribuire a costruire ponti, occasioni di incontro, conoscenza, dialogo per sostenere un percorso di riconciliazione e pace”. La conferenza di Bari “vuole essere un forte momento di conoscenza, di presa di coscienza, di confronto, di discussione, di denuncia e di scambio di good practice tra le diverse azioni che si stanno portando avanti nei differenti Paesi”.
La conferenza (sede Park Hotel Elizabeth, località Mariotto) prevede anche una sessione pubblica nel cuore della città pugliese “per richiamare l’attenzione sul lavoro indispensabile che soprattutto le donne dei diversi territori del Medio Oriente svolgono per contribuire a tessere legami basati sull’incontro, il rispetto, la tolleranza, il riconoscimento reciproco della ricchezza di cui ciascuno è portatrice”. Si terrà anche un momento ecumenico nella basilica di San Nicola, luogo così significativo per il dialogo ecumenico. Saranno presenti rappresentanti di 10 Paesi europei, 9 del Medio Oriente e Magreb e 20 da Paesi di altri continenti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy