Papa Francesco: alla Porziuncola, “è difficile perdonare gli altri”, non è “me la pagherai!”

“È difficile perdonare, quando costa a noi perdonare gli altri! Che grande regalo ci ha fatto il Signore insegnandoci a perdonare, o almeno la voglia di perdonare”. Lo ha detto il Papa, a braccio, per spiegare che “quella del perdono è certamente la strada maestra da seguire per raggiungere quel posto in Paradiso”. “Abbiamo ascoltato poco fa la parabola con la quale Gesù ci insegna a perdonare”, ha proseguito Francesco a proposito del brano scelto per la sua meditazione (Mt 18,21-35): “Perché dovremmo perdonare una persona che ci ha fatto del male? Perché noi per primi siamo stati perdonati, e infinitamente di più. La parabola ci dice proprio questo: come Dio perdona noi, così anche noi dobbiamo perdonare chi ci fa del male. Precisamente come nella preghiera che Gesù ci ha insegnato, il Padre Nostro, quando diciamo: ‘Rimetti a noi i nostri debiti come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori’. I debiti sono i nostri peccati davanti a Dio, e i nostri debitori sono quelli a cui anche noi dobbiamo perdonare”. “Pensiamo, in silenzio, alle cose brutte che abbiamo fatto e che il Signore ci ha perdonato”, ha proseguito Francesco ancora a braccio: “È la carezza del perdono, tanto lontano da quel gesto: ‘me la pagherai!’. Il perdono è un’altra cosa”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy