Migrazioni: Parlamento Ue rilancia Eurobarometro. “Azione insufficiente sui profughi. Per i cittadini occorre fare di più”

(Bruxelles) “L’Ue ha registrato un afflusso di migranti senza precedenti nel corso degli ultimi anni. Il 74% dei cittadini europei vuole che l’Unione faccia di più per gestire la situazione”, secondo l’ultimo sondaggio Eurobarometro, commissionato dal Parlamento europeo e rilanciato ora dal sito web dell’istituzione. Inoltre, vi si legge, “due terzi degli intervistati hanno affermato che l’azione dell’Ue in materia di migrazione è insufficiente”. Il sondaggio – effettuato in aprile intervistando 28mila cittadini dei Paesi aderenti – è utile per sottolineare le azioni svolte negli ultimi mesi dall’Assemblea comunitaria. “In marzo i deputati all’Europarlamento hanno adottato una relazione sulla situazione nel Mediterraneo e la necessità di un approccio globale dell’Unione in materia di immigrazione”. Il 30 maggio la commissione per le libertà civili ha approvato la proposta della Commissione europea di introdurre un documento di viaggio standard dell’Ue per i migranti. Il 6 luglio “i deputati hanno votato” a Strasburgo “a favore della creazione di un sistema Ue di controllo delle frontiere, che riunirà l’agenzia comunitaria di frontiera Frontex e le autorità di gestione delle frontiere nazionali”.
La Commissione “propone di istituire un elenco comune dell’Ue di Paesi di origine sicuri per accelerare il trattamento delle domande presentate da persone provenienti da Paesi considerati appunto sicuri”. La proposta deve essere approvata dal Parlamento europeo e dal Consiglio prima di entrare in vigore. Sylvie Guillaume, eurodeputato francese incaricata di guidare la proposta in seno al Parlamento, ha affermato: “La metodologia per designare un Paese come Stato di origine sicuro o per modificare tale status è stata notevolmente migliorata. È stato inserito un processo di consultazione per consentire a terzi, come l’Easo, l’Unhcr e le Ong, di prendere parte all’attività di monitoraggio dell’elenco comune dell’Ue” svolta dalla Commissione.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy