Colombia: lettera delle autorità indigene al Governo nazionale, “bambini wayuu continuano a morire di fame”

Le autorità indigene dell’etnia Wayuu – la minoranza etnica più numerosa in Colombia – in un comunicato danno notizia di aver inviato nei giorni scorsi una lettera al presidente della Repubblica Juan Manuel Santos, che è atteso nella regione desertica da loro abitata, La Guajira, il prossimo 18 agosto. Nella lettera le autorità indigene accusano il Governo di essere “cieco e inclemente di fronte alla tragedia che il popolo Wayuu soffre da decenni, ferito da siccità, disoccupazione, violenza, depredazione delle risorse naturali da sempre presenti nel proprio territorio”. Una situazione che negli ultimi anni si è trasformata in vera e propria emergenza umanitaria, con la morte di numerosi bambini per denutrizione. Anche nelle ultime settimane ci sono stati decessi per fame e dall’inizio dell’anno sono oltre 40 i bambini morti per questa causa, nonostante gli sforzi messi in atto dall’Instituto colombiano de bienestar familiar (Icbf). Per le autorità indigene “l’emergenza umanitaria non è un fatto ineluttabile” e accusano il Governo di “indifferenza”, mentre pretende risultati dalle istituzioni indigene, ben sapendo che “gli aiuti governativi sono insufficienti”, gettando così verso le autorità indigene accuse ingiustificate. Di conseguenza, i rappresentanti Wayuu si aspettano che dalla visita del 18 agosto – in occasione della quale è prevista una manifestazione nel capoluogo Riochacha – emergano risposte chiare e soluzioni invece che promesse generiche.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy