Sud Sudan: l’Ua propone esercito di riconciliazione

(DIRE-SIR) – Il vertice dei Capi degli Stati membri dell’Unione Africana, riuniti ieri a Kigali – in Rwanda – si è focalizzato su tanti temi, tra cui largo spazio è stato dedicato al ritorno di instabilità nel Sud Sudan. Per porvi rimedio, così dome riporta Radio France internationale, i partecipanti hanno proposto la creazione di “una forza regionale di protezione” generata dalla fusione proprio dei due schieramenti contrapposti: l’esercito nazionale del Presidente Salva Kiir, e le milizie ribelli del vice Presidente Riek Machar. Chiamata a vegliare sul buon funzionamento dell’intesa sarebbe la missione Onu nel paese, la Mission des Nations unies au Soudan du sud (Minuss), per la quale da Kigali emerge anche la richiesta di un suo rafforzamento. Gli stati del Corno d’Africa – riuniti nell’istituzione dell’Igad, l’Autorità intergovernativa per lo sviluppo – più direttamente toccati dalla questione, hanno inoltre chiesto l’apertura di un’inchiesta per far luce sulle cause della ripresa degli scontri che a Juba, lo scorso fine settimana, hanno fatto quasi 300 morti.

(www.dire.it)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy