Migrazioni: Costalli (Mcl), “devono essere governate responsabilmente, non subite”

“Le migrazioni devono essere governate prudentemente e responsabilmente, non subite. Il diritto di ogni persona di essere accudita in caso di necessità e di essere integrata in un contesto sociale nuovo va difeso insieme al diritto dei popoli di non subire invasioni”: è quanto ha affermato Carlo Costalli, presidente del Movimento cristiano lavoratori (Mcl), al vertice europeo sull’immigrazione di Zagabria. “È in atto un multiculturalismo che potremmo dire di ‘convivenza indifferente’ – ha continuato il leader di Mcl – che poco o nulla ha a che fare con la vera integrazione. Nella gestione delle migrazioni, che oggi assumono l’aspetto di emergenze umanitarie, l’Europa non può rinunciare alla propria civiltà giuridica e ai valori fondamentali della propria cultura assimilati dalla tradizione cristiana, presenti anche in altre culture e religioni”. “L’Europa non può esimersi da un impegno unitario per far fronte a questa emergenza nell’accoglienza dei profughi, ma deve impegnarsi anche, e soprattutto, in una politica estera, adesso assolutamente insufficiente, di iniziative concrete laddove ci sono, o si creano, le condizioni dell’immigrazione di massa”, ha concluso Costalli.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia