Papa in Armenia: conferenza stampa aereo, su Brexit “pensare un’altra forma di unione: essere creativi”

“Pensare un’altra forma di unione: essere creativi”. È il suggerimento di papa Francesco alla luce del risultato del Referendum che ha decretato la scorsa settimana la fuoriuscita del Regno Unito dall’Ue (Brexit). Parlando ai giornalisti sul volo papale che lo stava riportando a Roma dopo il viaggio in Armenia il Papa ha risposto anche alla domanda se era preoccupato del fatto che la Brexit potrebbe portare alla disintegrazione dell’Europa ed eventualmente alla guerra. “La guerra già c’è in Europa! – ha risposto il Papa – Poi c’è un’aria di divisione e non solo in Europa, ma negli stessi Paesi. Si ricordi della Catalogna, l’anno scorso la Scozia… Queste divisioni non dico che siano pericolose, ma dobbiamo studiarle bene e prima di fare un passo avanti per una divisione, parlare bene fra di noi e cercare soluzioni viabili”. Distinguendo quei processi d’indipendenza dei Paesi che conducono alla loro emancipazione, il Papa ha però messo in guardia l’Europa dal rischio di “balcanizzazione” senza con questo termine – ha subito aggiunto – “sparlare dei Balcani”. Ed ha proseguito: “Per me sempre l’unità è superiore al conflitto: sempre! Ma ci sono diverse maniere di unità e anche la fratellanza – e qui arrivo all’Unione europea – è migliore della inimicizia o delle distanze. Delle distanze – diciamo – la fratellanza è migliore. E i ponti sono migliori dei muri”. Si tratta allora di pensare a “un’altra forma di unione” ed essere creativi. “Creativi nei posti di lavoro, nell’economia. C’è un’economia liquida oggi in Europa che fa – per esempio in Italia – che la gioventù dai 25 anni in giù non abbia lavoro: il 40 per cento! C’è qualcosa che non va in quell’Unione ‘massiccia’, ma non buttiamo il bambino con l’acqua sporca dalla finestra… Cerchiamo di riscattare le cose e ri-creare, perché la ri-creazione delle cose umane – anche della nostra personalità – è un percorso e sempre si deve fare. Un adolescente non è lo stesso che una persona adulta o di una persona anziana: è lo stesso e non è lo stesso, si ri-crea continuamente. E questo gli dà vita e voglia di vivere e dà fecondità. E questo lo sottolineo: oggi la parola, le due parole chiave per l’Unione europea sono creatività e fecondità. È la sfida”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy