Papa Francesco: mons. Galantino (Cei), “nelle parole di Bergoglio si trova un umanesimo nuovo”

“Le definizioni che tendono a metter etichette – ad esempio il ‘Papa comunista’ e cose simili – peccano di debolezza mentale. Nel senso che si rinunzia a riflettere seriamente, con la testa, su ciò che ha detto e scritto il Papa”. Monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, proseguendo il dialogo con Scalfari e Lucia Annunziata, stasera al Teatro Eliseo di Roma, nell’incontro dedicato a Papa Francesco, ha ribadito che “nelle parole di Bergoglio vi si trova un umanesimo nuovo, che pesca solo ed esclusivamente nel Vangelo”. “Il Papa non è nemmeno il Pontefice di una religione indifferenziata”, ha detto Galantino facendo seguito a una annotazione di Scalfari. “Egli annuncia il Dio incarnato in Cristo. Non sopporta, per questo, chi uccide nel nome di Dio. Il Papa si sta facendo carico di una religione che va nel profondo, guarda a una prospettiva più bella del peccato… Come quando fa incontrare i giovani con Dio”, confessandoli in San Pietro. “Dio è più grande del tuo peccato – ha detto il Papa ai ragazzi –, non esistono situazioni compromesse per sempre. Dio ti vuole bene”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy