Migranti: Salvini, 2 giugno festa repubblica invasa e disoccupata

(DIRE-SIR) – “L’economia è ferma, gli sbarchi si susseguono, tanto che perfino il Corriere oggi scrive che siamo di fronte ad una invasione. Cosa c’è da festeggiare il 2 giugno? È la festa della Repubblica invasa e disoccupata”. Così Matteo Salvini, a radio Padania. “Nonostante le bugie del sistema dell’informazione renziano – continua – c’è una parte maggioritaria d’Italia che non ne può più”. Salvini attacca anche la Chiesa: “Mi stupiscono certi vescovi, per fortuna pochi, che spalancano le porte ai clandestini in particolare islamici, che vengono qui non per integrarsi ma per imporre, nell’ambito di una invasione programmata. Una posizione che finirà per danneggiare anche loro. Non capisco se ci sono o ci fanno”.

www.dire.it

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa