Fondazione Centesimus Annus: Sugranyes Bickel (presidente), “diffondere Dottrina sociale nell’impresa£

“In questi giorni del convegno internazionale dedicato a ‘povertà e rifugiati’ abbiamo ricevuto molti doni”: lo ha detto Domingo Sugranyes Bickel, presidente della Fondazione Centesimus Annus – Pro Pontifice, tirando le somme di questa tre giorni in Vaticano. “Sono stati momenti in cui abbiamo potuto sentire testimonianze di persone che stanno cercando d’applicare la Dottrina sociale della Chiesa nei fatti, facendo lavori imprenditoriali che servono a lottare contro la povertà”, ha proseguito il presidente. Accanto a questo “abbiamo riflettuto sul complicato problema delle persone che nel mondo sono costrette a spostarsi” e anche “sull’aspetto a noi più vicino che riguarda i rifugiati in Europa”. Quello dei rifugiati fa però “parte di un problema molto più grande rispetto al quale l’Europa e il mondo in generale faticano a trovare delle soluzioni che siano in grado di rispettare le persone, permettendo loro di prendere in mano il proprio destino”. I convegnisti hanno anche riflettuto sulle cosiddette “coalizioni” fra le persone di diversi orientamenti religiosi, “ambito nel quale i cattolici – ha sostenuto Sugranyes Bickel – hanno un ruolo importante avendo come riferimento la Dottrina sociale, tesoro unico di coerenza nel tempo, portatrice di principi che sono anche di respiro comune perché fondamentalmente umani”. I 300 partecipanti al convegno porteranno con loro una missione tracciata anche in occasione dell’udienza con il Santo Padre. “Papa Francesco è stato estremamente generoso con noi, lo ringraziamo per l’attenzione che ci ha prestato. Partiamo così, da un lato, carichi di dubbi, consapevoli delle difficoltà che dobbiamo affrontare e superare, ma anche con la ferma volontà di continuare la strada della diffusione della Dottrina sociale nell’impresa. Il cammino è tracciato, bisogna percorrerlo”, ha concluso il presidente.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy