Chiesa e comunicazione: D’Agostini (Ctv), mantenere “spirito d’innovazione”

“Abbiamo voluto mantenere lo spirito di innovazione proprio della Chiesa”. Così Stefano D’Agostini, direttore del Centro Televisivo Vaticano (Ctv), ha spiegato il senso dell’intesa siglata oggi tra la Segreteria della Comunicazione della Santa Sede e l’associazione HD Forum Italia. “Cerchiamo di domare la tecnologia per metterla a servizio della potenza del messaggio che diffondiamo”, ha specificato D’Agostini a proposito del “mandato” del Ctv, che è perfettamente in linea con le caratteristiche del rapporto tra la Chiesa e la comunicazione: “La Chiesa – ha infatti ricordato il relatore – è sempre stata attenta alla ricerca tecnologica. Uno dei primi segni è il microfono sull’altare”. “Noi la tecnologia non la rincorriamo, la sperimentiamo per raggiungere gli estremi confini della terra”, ha sintetizzato D’Agostini. Citando il tema del convegno in programma il 6 e 7 ottobre prossimi, “Passaggi: comunicazione e tecnologie oltre le frontiere”, il direttore del Ctv ha spiegato come “si tratta di ciò che abbiamo vissuto fin dal 1983, quando Giovanni Paolo II decise di dotare di un centro di produzione televisivo la Santa Sede”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy