Migranti: Unicef, “oltre 22mila bambini migranti e rifugiati bloccati in Grecia”

“Oltre 22mila bambini migranti e rifugiati sono rimasti bloccati in Grecia e devono far fronte a un futuro incerto, quando non persino a forme di detenzione”. È questo l’allarme lanciato ieri dall’Unicef, dopo l’entrata in vigore dell’accordo Ue-Turchia, alla fine di marzo. “I bambini soli o separati – spiega in una nota il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia – sono la categoria più a rischio, e sono circa il 10% della popolazione migratoria minorile presente attualmente in Grecia: se ne stimano circa 2mila, solamente in parte registrati. Fra gennaio e metà marzo, sono stati registrati in Grecia 1.156 minori non accompagnati, con un incremento del 300% rispetto al medesimo periodo del 2015”. “Centinaia di famiglie con bambini – rivela Unicef – sono accampate da settimane accanto ai binari della ferrovia che collega la Grecia alla Macedonia, nella speranza che si apra un varco”. L’Unicef, inoltre, ricorda “il dovere degli Stati di prendersi cura e proteggere tutti i bambini, e di offrire loro una possibilità equa e piena di essere ascoltati al momento di prendere decisioni sul loro avvenire” e chiede “che siano messi in atto procedimenti per determinare caso per caso il superiore interesse del minore e che siano soddisfatti i bisogni basilari di tutti i bambini: un alloggio adeguato, assistenza medica e protezione da fenomeni di sfruttamento o tratta, in linea con quanto prevedono il diritto internazionale e le norme europee”. “Qualsiasi decisione su qualsiasi minorenne, che sia un neonato o un adolescente, con o senza famiglia, dev’essere guidata dal principio del supremo interesse del bambino” spiega Marie-Pierre Poirier, coordinatrice speciale dell’Unicef per la crisi di migranti e rifugiati in Europa.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy